Home / Ambiente / Come nasce Greenpeace: la storia in un documentario

Come nasce Greenpeace: la storia in un documentario

Il festival Cinemambiente di Torino è quasi giunto al termine, quando sul palco si presenta Jerry Rothwell, regista del documentario How to change the World, che spiega grazie alla combinazione di filmati in 8 e 16 millimetri la nascita di una leggenda: un movimento pacifista e votato alle tematiche ambientali noto a tutti come Greenpeace. Rothwell ha affermato di aver realizzato il film che voleva realizzare grazie alle migliaia di bobine ritrovate negli archivi dell’associazione e alla grande libertà di utilizzo che gli è stata concessa. E il pubblico che affollato la sala 1 del cinema Massimo alla fine ha applaudito soddisfatta. 

Da una bomba da cinque megatoni alle balene fino alle foche: siamo all’inizio degli anni Settanta, in una Vancouver dove fomento e fermento creano un’atmosfera di sana cultura hippy e pacifismo estremo. E’ qui che il giornalista Bob Hunter ha l’idea di mettere su una squadra per fare un’azione dimostrativa contro un esperimento che prevede l’esplosione di una bomba da cinque megatoni sull’isola di Amchitka, in Alaska.

Nonostante l’ammutinamento dei suoi e l’esplosione della bomba, Hunter ha innescato un processo che porterà lentamente e gradualmente a formare un’associazione di nome Greenpeace: dopo la bomba infatti è il momento delle balene. La strategia è quella di avvicinarsi alle baleniere e creare azioni di disturbo affinché si eviti il lancio del rampone. Il rampone viene lanciato lo stesso però, sibilando a pochi metri dalle teste dei volontari ambientalisti. Poco importa: ciò che si chiama “bomba mentale” è stata innescata ancora una volta.

E così negli anni Settanta Greenpeace subisce una vera e propria diffusione su larga scala, coinvolgendo moltissimi volontari che darebbero la vita per salvaguardare l’ambiente e la fauna che vive sul pianeta Terra: arrivano perfino al punto di “verniciare” le foche allo scopo di indebolirne i propositi di caccia. Sono solo azioni di disturbo che però hanno un peso fondamentale sulle coscienze umane e che contribuiscono a creare un mito, una leggenda: quella che corrisponde al nome di Greenpeace.

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *