Home / Ambiente / E carburante fu ma dalla luce con una foglia bionica

E carburante fu ma dalla luce con una foglia bionica

La luce solare può essere convertita in carburante attraverso una una foglia bionica. Questo è l’esito di una ricerca pubblicata oggi sul prestigioso Proceedings of the National Academy of Sciences e realizzata dagli scienziati della Harvard Medical School. Il team di ricercatori coordinato da Joseph P. Torella è riuscito a mettere a punto un sistema che potrebbe creare biocarburante (quindi carburante ecologico) usando proprio la luce solare ossia la luce che dà cita tutti i giorni all’intero pianeta.

Il meccanismo che consentirebbe questo miracolo è complesso e di non facile comprensione per i profani. Il punto di partenza sarebbe una foglia bionica che mediante un procedimento catalizzatore sarebbe in grado di produrre combustibile liquido. In pratica la foglia, grazie all’azione di un batterio, la Ralstonia eutropha, andrebbe a simulare un processo di fotosintesi come quello che avviene normalmente in natura.

Comprensibile l’entusiasmo della professoressa Silver, del team di ricercatori che ha messo a punto questo metodo per rompere la schiavitù dal petrolio. Secondo la scienziata, infatti, quello messo a punto  “è un prototipo che dimostra come si possa raccogliere l’energia solare e conservarla sotto forma di combustibile liquido”. La Silver ha ringraziato il suo collega Daniel Nocera che è l’autore della scoperta sul catalizzatore.

Dal punto di vista scientifico, il meccanismo realizzato per ora in laboratorio può essere paragonato a un piccola dispositivo fotovoltaico (il principio è il medesimo) che usa il sole per creare ossigeno e idrogeno e quindi dividere l’acqua in due parti. In una fase successiva, poi, entra in azione il batterio del miracolo. Esso cattura l’idrogeno creato e isolato, lo combina con l’anidride carbonica e, per finire, trasforma il prodotto creato in Isopropanolo (2-propanolo) ossia carburante liquido.

Il prodotto generato altro non che un additivo per carburanti. Per ora il livello di efficienza raggiunto raggiunto sarebbe dell’1% ma non è escluso che con alcuni miglioramenti si possa arrivare anche il 5%. E i costi? La parte più bella di questa scoperta è proprio questa perchè la foglia magica costa davvero poco.

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *