Germania treno scorie nucleari prosegue

25 novembre 2011 12:520 commenti

Sono undici i vagoni che compongono il convoglio ferroviario che trasporta scorie altamente radioattive, che ha ripreso la sua strada, questa mattina in direzione  Germania. 

Questo, dopo un blocco forzato alla stazione di Remilly (Francia), a causa degli scontri tra le forze dell’ordine e le centinaia di tedeschi antinucleari. 

Il treno che trasporta rifiuti nucleari vetrificati deve raggiungere destinazione Gorleben (nord della Germania), partito da Valognes mercoledì, era stato bloccato dai manifestanti, ieri mattina a Metz, nei pressi della stazione ferroviaria di Remilly, e ora ha ripreso il suo tragitto verso la frontiera tedesca. 

Importanti dispiegamenti di polizia sono stati predisposti da ieri mattina, nelle zone circoscritte alla città di Remilly, con particolare riguardo alle aree ferroviarie. Poi questa notte, circa sessanta poliziotti tedeschi sono stati trasferiti a bordo del convoglio, un ausilio alla scorta francese, già presente sui vagoni. 


Circa 2000 agenti delle forze dell’ordine sono stati mobilitati per garantire maggior sicurezza al convoglio nella parte francese, mentre la Germania, da parte sua,  ha schierato 19mila uomini. 

Il gruppo “Uscire dal nucleare”, che segue il cammino del convoglio, ha denunciato il blocco del treno a Remilly. “Questo arresto forzato in una zona urbana, densamente abitata, ha messo in pericolo la sicurezza della popolazione, esponendola a gravi rischi di irradiazioni„

In Germania, sono molti i militanti antinucleari che hanno iniziato a mobilitarsi contro il convoglio carico di scorie. In circa 2000 hanno invaso le strade e i binari ferroviari nella zona di Lüchow-Dannenberg (nord), dove gli undici container della società Castor saranno  trasferiti sui tir che li porterà a Gorleben, a 20 chilometri di distanza. 

Gli scontri tra polizia e manifestanti hanno già provocato una decina di feriti, tra questi anche poliziotti. 

Articolo correlato: Rifiuti nucleari Germania: mobilizzazione sempre più forte

Ultimo aggiornamento 25 novembre 2011 ore 13,52






Tags:

Lascia una risposta