Immenso tesoro in un relitto affondato nel 1941

27 settembre 2011 09:470 commentiDi:

Una società americana ha annunciato, ieri, di aver localizzato un cargo britannico affondato dai tedeschi nel 1941, con a bordo circa 220 tonnellate di lingotti d’argento, che ora si appresta a recuperare. 

Questo favoloso bottino, stimato oggi in oltre 150 milioni di euro che Odyssey Marine Exploration spera di poter recuperare entro la prossima primavera, costituisce il tesoro subacqueo più prezioso mai rinvenuto.  

I ricercatori sono riusciti a localizzare la preziosa nave Gairsoppa, che giace ad una profondità di 4.700 m. dell’Oceano Atlantico, al largo delle acque irlandesi, grazie all’ausilio di un sommergibile telecomandato, ha annunciato Odyssey in un comunicato. 

Colata a picco da un U-Boot 

Nel febbraio 1941, la nave, lunga 125 metri faceva ritorno dall’India per dirigersi verso la Gran Bretagna carica di the e di diversi tipi di metalli, tra i quali i lingotti d’argento. Sorpresa da una tempesta e rimasta improvvisamente a corto di carbone, la nave si è staccata dal convoglio militare che la stava proteggendo per raggiungere Galway in Irlanda. 

Ma il cargo non arrivò mai a destinazione: fu  inabissato il 17 febbraio da un sommergibile tedesco. Degli 85 passeggeri, solo uno riuscì a sopravvivere , trovando rifugio in una zattera di salvataggio, con la quale dopo 13 giorni di mare aperto raggiunse la terra ferma.  


La nave finita sui fondali dell’oceano, passò infine nel dimenticatoio. 

Diversi anni dopo ci fu un primo tentativo per ritrovarla, ma fallì. Poi finalmente la società Odyssey, specializzata nella ricerca dei relitti attraversando i mari del globo terrestre, è riuscita a portare a buon fine la missione.

Aiutati da un robot 

Un sommergibile telecomandato da una nave da esplorazione della Odyssey Explorer, ha potuto filmare e fotografare l’interno del relitto.

Si possono osservare sulle foto, la scala che conduce verso la sala dell’equipaggio, la bussola del pilota e l’impatto del siluro tedesco nella chiglia. 

Le operazioni di risalita del cargo inizieranno verso la primavera prossima. 

L’80% del bottino andrà ai ricercatori di tesori 

Al termine di una lunga battaglia, Odyssey Marine ottenne nel 2010, dal governo britannico l’esclusiva delle operazioni di recupero del relitto, accaparrandosi il diritto di trattenere l’80% del bottino, il resto andrà invece alle autorità britanniche. 

Ultimo aggiornamento 27 settembre 2011 ore 11,45

 






Tags:

Lascia una risposta