Ingresso gratuito musei scientifici Festival Ecoscienza 27-28 ottobre 2012

25 ottobre 2012 10:000 commenti

Si chiama Biodiversamente ed è il Festival dell’Ecoscienza organizzato da Wwf Italia con l’Associazione nazionale Musei Scientifici, che sabato 27 e domenica 28 ottobre aprirà gratuitamente oltre 100 musei, orti botanici e oasi naturalistiche WWF in tutta Italia.

L’Italia vanta un particolare primato, attestandosi come il paese europeo più ricco di biodiversità con oltre 57mila specie animali e 33 vegetali. L’intervento dell’uomo e le alterazioni del clima rischiano però di distruggere il 60% degli ecosistemi entro il 2050. Il Festival dell’Ecoscienza giunge quest’anno alla sua terza edizione regalando un week end interamente dedicato alla biodiversità.

L’edizione 2012 viene dedicata alle Alpi e all’acqua: le Alpi rappresentano proprio la riserva d’acqua dell’Europa, un dei sistemi naturali più importanti per la biodiversità europea. In programma molte iniziative gratuite in musei scientifici, science center, orti botanici, parchi naturali e Oasi WWF. Qualche esempio? Al Museo di Geologia e Paleontologia di Padova è possibile ammirare il più antico vertebrato delle Alpi, il piccolo rettile Tridentinosaurus antiquus, che ha più di 250 milioni di anni, ai Musei Civici di Reggio Emilia sono in mostra i resti della balena Valentina vissuta 3,5 milioni di anni fa nel Mar Padano, che occupava tutta la pianura Padana, dal Veneto al Piemonte. Nell’Oasi di Alviano, a Guardea (Trento) è stata installata una centralina che misura il respiro del bosco che controlla i gas serra e il loro assorbimento da parte del bosco.

Al Museo del Cielo e della terra di San Giovanni in Persicetoa, Bologna, sono in mostra ben 850 meteoriti provenienti da tutto il mondo, tra cui uno lunare, uno di 80 kg e un pestello preistorico ricavato da un meteorite. Sempre a Bologna, al Museo Geologico Cappellini si trovano i pesci fossili di Bolca, un  proprio mare tropicale nel Veronese in cui 53 milioni di anni fa nuotavano gli squali. Nel Museo civico di zoologia di Roma si possono osservare oltre un milione di conchiglie e 16.000 uccelli e la sezione Terra Inquieta della Città della scienza di Napoli, con filmati, testi e rocce parlanti mettono in mostra i meccanismi chimico–fisici del vulcanesimo.

Tags:

Lascia una risposta