Le città surreali italiane del Wwf contro il cambiamento climatico (Foto)

Il deserto e l’acqua si impadroniranno dell’Italia, sommergendo Pisa e Venezia, ricoprendo i resti di Roma e Milano, e animali selvaggi che solitamente siamo abituati a vedere ai Poli o in Africa, si muoveranno disorientati in questi territori una volta patrimoni artistici e controllati dall’uomo e adesso abbandonati a loro stessi. Questi sono gli spunti che WWF ha voluto dare per sensibilizzare gli italiani sul delicato tema dei cambiamenti climatici.

Sono le Città Surreali create dalla graphic designer Cinzia Macis a campeggiare nel nostro Paese: una campagna di sensibilizzazione di forte impatto caratterizzate da uno slogan altrettanto forte: Save the Humans, Save the Climate! Una campagna di sensibilizzazione creativa e provocatoria, che fa di questi scenari post-apocalittici uno spunto su cui riflettere, una base dalla quale partire per capire cosa possiamo fare per fermare i cambiamenti climatici in atto.

Dal WWF affermano come i combustibili fossili siano tra le principali cause del cambiamento climatico e tra i diretti responsabili dell’inquinamento che domina sulle nostre vite e nelle nostre città. Inoltre, le emissioni dei gas serra stanno registrando un incremento sempre più elevato e rapido e le conseguenze di ciò si stanno manifestando in anticipo, al di là di ogni previsione. Tra questi effetti devastanti, vanno annoverati l’innalzamento del livello del mare, il fenomeno della siccità in seguito a forti ondate di calore, tempeste sempre più violente e uragani.

Tutte queste conseguenze, ovviamente, peseranno notevolmente sull’equilibrio del pianeta Terra, provocando problemi letali sull’ecosistema e sulle specie viventi. E il rischio – surreale ma non troppo – è quello che viene manifestato in queste foto.

wwf-climate-1

wwf-climate-2

wwf-climate-3

wwf-climate-4

Non è mai troppo tardi per cambiare il mondo.

 

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *