Nuova Zelanda nave incagliata greggio raggiunge le coste

10 ottobre 2011 09:190 commenti

E’ allarme in Nuova Zelanda, al largo dell’isola di  Tauranga, dove una nave container liberiana si è arenata in una barriera corallina nella Bay of Plenty, dalla quale sono già sfuggite elevate quantità di combustibile, provocando la morte di numerosi uccelli marini.

I soccorritori stanno lottando contro il tempo per estrarre le 1700 tonnellate di petrolio dal cargo, prima dell’arrivo annunciato di una tempesta. 

Gli strati di combustibile sfuggiti dalla petroliera liberiana danneggiata in una delle baie più apprezzate della Nuova Zelanda hanno raggiunto, oggi, la spiaggia di Mont Maunganui, una bellissima località turistica della baia di Plenty, lo ha annunciato Maritime New Zealand, l’autorità per la sicurezza delle persone e dell’ambiente. 

La nave container Rena, con una capacità di 47.000 tonnellate, si è arenata, mercoledì scorso, sulla scogliera Astrolabe, famosa per la ricchezza della sua flora e fauna, a 22 km dalla città di Tauranga. Le autorità temono che in caso di rottura completa dello scafo, la Nuova Zelanda conoscerà la marea nera peggiore mai verificata nell’isola da decenni. 

Ultimo aggiornamento 10 ottobre 2011 ore 11,20

Tags:

Nessun commento

Lascia una risposta