Home / Ambiente / Pioggia di uccelli morti si abbatte sull’Arkansas

Pioggia di uccelli morti si abbatte sull’Arkansas

Oltre 5000 uccelli sono caduti a terra, tra le vie di una cittadina al sud degli Stati Uniti, la notte di San Silvestro. Pare che i volatili possano essere morti di paura. Una scena raccapricciante, degna delle scene della fine del mondo.

Venerdì sera, circa mezz’ora prima della mezzanotte della sera di San Silvestro, 5.000 uccelli morti si sono abbattuti nelle vie di Beebe, nell’Arkansas, Stati Uniti. 

Su due chilometri di questa piccola località con 5.000 abitanti, le vie erano ricoperte di cadaveri di di uccelli, molti agonizzanti. Si tratta della specie merli dalle ali rosse, riconoscibili dalle loro macchie rosse alla base delle ali e di passeri. 

Ieri, un responsabile dei servizi veterinari dello Stato, George Badley, ha spiegato che questa ecatombe potrebbe certamente essere attribuita ad uno spavento. “Sono quasi sicuro che la loro morte sia stata causata da un trauma”. Ha dichiarato. 

Un abitante ha dichiarato di aver sentito una ventina di detonazioni quella stessa sera,  “forse  fuochi d’artificio o colpi di cannoni, che vengono  utilizzati per allontanare gli uccelli parassiti, seguite dal volo irregolare di una grande quantità di uccelli”. Ha sentito i merli svolazzare in tutti i sensi e in ogni direzione, ha udito i battiti dello loro ali in modo anomalo e quindi li ha visti  urtare contro tutti gli ostacoli presenti nel loro tragitto. 

I merli dalle ali rosse hanno una scarsa visibilità notturna e, probabilmente, spaventati, sono stati uccisi urtando contro le case e gli alberi. 

Lo Stato ha tuttavia deciso di aprire un’indagine, al fine di accertare che gli uccelli non siano rimasti vittime per altre cause, quali ad esempio da un avvelenamento o da una determinata malattia, anche per il fatto che, subito dopo, è stato lanciato un altro allarme dai servizi ambientali dell’Arkansas: a 200 chilometri da Beebe, 100.000 pesci tamburo sono stati trovati agonizzanti, galleggiare sulla superficie del fiume Arkansas. 

Questa moria di pesci e l’incidente di Beebe sono due eventi distinti, garantiscono le autorità.  

I massicci decessi di pesci sono frequenti, causati da: malattia, acqua troppo povera di ossigeno o troppo calda. 

Detto ciò, la vastità del fenomeno è insolita, per il fatto che solo una specie sia stata interessata dall’evento. Esemplari ancora vivi, ma morenti,  sono stati portati in laboratorio per le analisi del caso e scoprirne il mistero. 

Al momento, la pesca nella zona non è stata ancora interdetta. 

Loading...