Home / Animali / Animali nutriti con OGM in buona salute

Animali nutriti con OGM in buona salute

Gli animali costantemente nutriti con granoturco, soia, riso, patate, grano e segale geneticamente modificati crescono bene e in buona salute, come quelli che hanno ricevuto un’alimentazione comune.

Anche dopo due anni e anche su un regime transgenico  diretto alle successive generazioni, nessun impatto tossicologico è stato rilevato negli animali nutriti con gli OGM. 

Questa è la conclusione, tutto sommato rassicurante, pubblicata dalla rivista “Food and Chemical Toxicology, considerata come “l’esperta” in materia. 

Per arrivare a questo risultato, i ricercatori hanno passato in rassegna ventiquattro studi americani, giapponesi, brasiliani, italiani e norvegesi, recenti, esclusivamente realizzati dai laboratori pubblici finanziati con i fondi pubblici, cosa che esclude a priori ogni rischio di conflitto di interessi. 

La metà di questi lavori si è concentrata sui ratti, topi, vacche da latte, salmoni e scimmie, nutriti per un periodo superiore (fino a due anni) al termine regolamentare dei 90 giorni, utilizzato nei test tossicologici preliminari, prima  dell’immissione sul mercato di piante o prodotti alimentari OGM.  

L’altra metà degli studi si è concentrata, invece, sulle generazioni di mucche, pecore, capre, maiali, galline, faraone e ratti. Gli autori di questi 24 studi hanno indagato sui potenziali impatti tossicologici sugli organi (cuore, fegato, rene, cervello, intestino, gonadi, muscoli…) ed hanno analizzato un gran numero di parametri biologici ed istologici. Nessun effetto negativo. 

“I risultati non rivelano alcun problema sanitario collegato al consumo, a lungo termine, di prodotti alimentari derivanti da OGM “, sottolinea il biologo Marcel Kuntz dell’Università di Grenoble,  collaboratore dello studio.  

Tuttavia, gli antagonisti degli OGM chiedono di prolungare la durata di nutrimento degli animali con tali prodotti, poiché secondo loro il periodo è “troppo breve” per poter stabilire un’eventuale tossicità cronica.

 Articolo correlato: Uganda banane geneticamente modificate

Ultimo aggiornamento 13 dicembre 2011 ore 15,07