Centinaia di cani salvati dai tavoli cinesi

 

In Cina, 200 animalisti hanno bloccato un autocarro che trasportava centinaia di cani, sfuggendo, così, al tragico destino dei ristoranti cinesi.

Le centinaia di cani erano destinati ad essere un succulento piatto servito dai ristoranti cinesi, ma, grazie alla mobilitazione di circa 200 difensori dei diritti degli animali, sono riusciti a tornare dai loro legittimi proprietari.

Il fatto è avvenuto venerdì scorso, su un tratto autostradale a est di Pechino. I cani erano stati caricati a bordo di un autocarro a Henan e dovevano essere consegnati ai ristoranti della città di Jilin.

La notizia è stata riportata dal quotidiano “China Daily”, che ha inoltre segnalato il numero preciso dei cani, sono esattamente 430 gli animali tratti in salvo dagli animalisti, tuttavia per “Global Times ”, un altro quotidiano locale in lingua inglese, i cani erano 520.

Dopo oltre 15 ore di discussioni, che hanno provocato importanti imbottigliamenti sull’autostrada, i cani hanno riacquistato la via di casa, dietro un lauto compenso di 115.000 yuan (circa 12.200 euro), pagato dall’associazione animalisti.

I cani erano tutti portatori di tatuaggi e collari, ciò, fa presumere che questi sono stati tolti ai loro proprietari. Pare che la società di trasporti facesse abitualmente  consegne settimanali di animali a Jilin, hanno dichiarato gli animalisti citati dal “China Daily”.

La presa di coscienza della Cina sulla necessità di proteggere gli animali va, tuttavia, ad urtarsi contro una tradizione culturale ancestrale che spinge numerosi cinesi, in particolare le popolazioni del Sud, a consumare carne di cane e di gatto.

 

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *