Amanda Knox chiede alla Corte di “fare giustizia” il suo ultimo emozionante appello

3 ottobre 2011 13:060 commenti

In un discorso pronunciato in un italiano quasi perfetto, Amanda Knox, ha chiesto ai giudici, prima del loro ritiro in Camera di Consiglio, di essere liberata, sia lei sia il suo amico Raffaele Sollecito, dalla pesante accusa dell’omicidio di Meredith Kercher. 

Amanda e Raffaele sono in trepidante attesa del verdetto d’appello, previsto entro questa sera dalla Corte d’Assise di Perugia. 

Con la sua voce, spesso interrotta da un pianto che le toglieva il respiro, Amanda ha implorato la Corte che dovrà decidere sulla libertà dei due giovani, di essere giusti e di cancellare a loro quella pesante accusa. 


“Voglio ritornare a casa e riprendere la mia vita. Non voglio essere privata della mia libertà, della mia vita, del mio futuro, per qualcosa che non ho fatto”. Ha ribadito ai giudici. Aggiungendo, poi, sommessamente “Fate giustizia”.  

Anche singhiozzante, le parole di Amanda sono state molto chiare e semplici. In un angolo dell’aula, la sorella di Amanda, Deanna, ascoltava in silenzio visibilmente emozionata. 

Articolo correlato: Amanda Knox verdetto atteso entro questa sera

 

Ultimo aggiornamento 03 ottobre 2011 ore 15,07






Tags:

Nessun commento

Lascia una risposta