Amanda Knox, i genitori “nessuna prova contro di lei”

I genitori di Amanda Knox, la studentessa statunitense condannata a 26 anni di reclusione per l’omicidio di Meredith Kercher, stanno lanciando ripetuti appelli: “Non esistono prove concrete sulla colpevolezza di Amanda”. 

I suoi genitori le promettono che presto sarà scarcerata, una volta che avranno riesaminato il caso. La loro convinzione è quella che la giustizia italiana, o perlomeno il processo a carico della figlia Amanda, sia stato alquanto difettoso. 

Sosterranno che a causa dell’alta concentrazione versata sul caso, la decisione sia stata polarizzata e non sia stato assicurato un giusto processo. 

La Knox, 23 anni, ricomparirà in tribunale questa settimana, i suoi legali sono convinti di riuscire a ribaltare la sentenza nel processo d’appello. Cercheranno di smontare l’intera impostazione del processo di primo grado attaccando la sentenza giudicata “immotivata”, “prevenuta” e “insufficiente rispetto agli standard di diritto internazionali“. 

La madre di Amanda, Edda Mellas, ha commentato: “Crediamo che i giudici e la giuria dopo le prove che porteremo in appello, lasceranno libera mia figlia”. 

Papà Knox bruscamente ha asserito: “Bene, io sono sicuro he da questo appello ne uscirà il punto che andrà a scagionare completamente Amanda, sarà la prova che lei è innocente.” 

La difesa di Amanda contesta non solo la mancanza di un serio movente (l’assunzione di droga non sarebbe sufficiente a giustificare l’omicidio), ma attacca anche quelle che definiscono prove fantasma, come l’ipotesi di un secondo coltello che avrebbe colpito la gola di Meredith, ma mai rinvenuto.

Loading...

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *