Amanda Knox verdetto atteso entro questa sera

3 ottobre 2011 07:310 commenti

Piazza Matteotti di Perugia, la sede del tribunale dove si è svolto il processo d’appello di Amanda Knox e Raffaele Sollecito, è ormai assediata, da giorni, dai report televisivi italiani ed esteri. In prima linea le tv inglesi e americane. 

La Corte d’appello di Perugia renderà noto il verdetto entro questa sera, una decisione che vedrà i due studenti, Amanda e Raffaele, assolti o colpevoli del reato di omicidio della ragazza britannica Meredith Kercher, avvenuto nel 2007. 

L’accusa ha richiesto che la condanna a ventisei anni di reclusione pronunciata in prima istanza, venga appesantita fino alla pena dell’ergastolo, poiché questa ragazza dal “viso d’angelo” e il suo  amico, Raffaele Sollecito, aiutati da un dealer locale, l’ivoriano Rudy Guedé, hanno ucciso “per nulla„. 

Ma Amanda Knox continua a proclamare la sua innocenza, affermando che in quella tragica notte era a casa di Sollecito. 

Se il giudizio di prima grado verrà annullato, la famiglia Knox ha affermato che la figlia rientrerà immediatamente negli Stati Uniti, anche se il p.m.  ha già annunciato la sua decisione di fare ricorso a tale decisione. La giuria, però, può anche confermare la sentenza di prima istanza, appesantirla o ridurla fino ad un minimo di sedici anni di reclusione. 

L’annullamento di un giudizio di primo grado è relativamente raro in Italia. Se in caso contrario venisse confermato, Amanda Knox disporrà di un’altra possibilità, depositando un ricorso dinanzi alla Corte di Cassazione. 

REVISIONE DELLE PROVE DEL DNA 

Meredith Kercher, 21 anni, studentessa di Leeds, era stata trovata seminuda in un lago di sangue: il suo corpo trafitto da 43 coltellate e ricoperto di lividi. L’autopsia dimostrò che era stata anche violentata. 

Gli avvocati di Amanda Knox hanno predominato il processo d’appello, iniziato nel novembre 2010. La loro richiesta di revisione delle prove del DNA era stata accolta, ciò ha permesso loro di rendere dubbi i risultati effettuati sui campioni di DNA trovati sull’arma del delitto (un coltello da cucina) e sul gancetto del reggiseno di Meredith.  

Oggi, prima che la giuria si ritiri per deliberare, Amanda Knox dovrebbe fare una dichiarazione davanti al tribunale, un’ultima occasione per lanciare un appello alla loro clemenza. 

Articoli correlati: Amanda Knox un milione di dollari per cambiare immagine  

 

Ultimo aggiornamento 03 ottobre 2011 ore 09,33

Tags:

Nessun commento

Lascia una risposta