Antichissimo cratere da impatto terrestre scoperto in Groenlandia

19 luglio 2012 11:440 commenti

Fino a poco tempo fa il cratere di Vredefort, in Sud Africa, era considerato il cratere più grande (300 km diametro) e più antico (risalente a circa 1 miliardo di anni fa) della Terra. Ma solo fino a poco tempo fa.

Ora invece è stato scoperto in Groenlandia un cratere che strapperebbe il primato fino a questo momento detenuto dal Sud Africa. Il nuovo cratere si trova nella regione di Maniitsoq, nella Groenlandia sud-occidentale, e ha un diametro pari a 100 km, ma il vero primato sta nella datazione dato che sarebbe molto antico risalendo a 3 miliardi di anni fa.

Il cratere sarebbe stato la conseguenza di un violentissimo impatto con un asteroide o una cometa quando la Terra era molto giovane e aveva circa un quarto della sua età attuale. La scoperta è molto rilevante anche perché sarà possibile studiare crateri molto più antichi di quelli conosciuti fino a questo momento. Tra l’altro la scoperta è stata quasi casuale visto che è stato rinvenuto in seguito a una spedizione per la ricerca di risorse naturali, tra cui il nickel.

L’erosione sul terreno nel corso dei tre miliardi di anni aveva cancellato le tracce del cratere, ma i segni dell’impatto sono stati ugualmente identificati: gli scienziati in questo caso hanno via via scartato diverse cause legate ad attività convenzionali terrestri.

L’unica soluzione possibile sembra essere rimasto proprio un antico impatto. Maniitsoq infatti è stato eroso portando alla superficie gli strati della crosta terrestre che originariamente si trovavano a 25 km al di sotto della superficie terrestre, ma la forza d’urto dell’impatto ha lasciato delle tracce certe dell’impatto.

Tags:

Lascia una risposta