Approvato il decreto contro il femminicidio

9 agosto 2013 09:250 commenti

donna violentata a Cagliari

Il governo ha deciso di mettere un freno alla violenza sulle donne inasprendo le pene per chi si macchia di questo crimine. 12 articoli in totale per il decreto sul femminicidio, approvato nella giornata di ieri.

Lo avevano annunciato con un Tweet: Stamani il Consiglio dei ministri approva il decreto che contiene le nuove norme di contrasto al femminicidio. L’avevamo promesso. Lo facciamo.

► Si fa una foto al giorno per un anno per mostrare le violenze quotidiane ricevute dal suo ragazzo

E così è stato per il Consiglio dei Ministri che ha deciso di schierarsi in modo deciso nella lotta contro la strage delle donne in Italia. Le ultime stime parlano di almeno 6.743.000 donne tra i 16 e i 70 anni che sono state vittime di abusi fisici o sessuali e di circa 1 milione quelle che hanno subito stupri o tentati stupri, il tutto, nella maggior parte dei casi, tra le mura di casa.

Con questo decreto il Governo ha fissato i tre obiettivi nel contrasto alla violenza sulle donne: prevenzione, certezza della pena e l’inasprimento di questa in tre particolari circostanze: la violenza assistita (violenza che avviene in presenza di un minore), violenza su donne in gravidanza e, ultimo caso, la violenza ai danni del coniuge o del partner.

► Prevenzione della violenza sulle donne

Tra i punti più importanti del decreto sul femminicidio c’è l’arresto obbligatorio in flagranza per delitti di maltrattamento familiare e stalking al quale si aggiunge un’altra importante novità: la querela irrevocabile, ossia l’impossibilità del ritiro della denuncia una volta che questa viene fatta, per evitare che l’intimidazione da parte dello stalker.

 

Tags:

Lascia una risposta