Berlusconi Procura di Napoli: ci dica una data

15 settembre 2011 13:060 commentiDi:

Interessato da molti procedimenti legali, il Capo di Governo esita se scegliere la convocazione a Napoli o a Milano. Impegni europei gli hanno nuovamente concesso l’opportunità di evitare di recarsi davanti ai pm, lo scorso martedì, per un’interrogatorio come “persona offesa” relativo al caso Tarantini.   

Silvio Berlusconi, impegnato in una serie di appuntamenti ha incontrato a Bruxelles e a Strasburgo i presidenti dell’Unione Europea Herman Van Rompuy, della Commissione europea, José Manuel Barroso e del Parlamento europeo, Jerzy Buzek. “Sono qui  per rassicurare le istituzioni europee”, ha spiegato il premier, martedì scorso. 

La situazione di bilancio in Italia è in effetti molto seria e il Cavaliere voleva confermare la determinazione del governo ad adottare tutte le misure promesse per ridurre il deficit pubblico. 

La manovra è infatti stata approvata ieri, un piano di austerità di 54,2 miliardi di euro che deve permettere all’Italia di giungere all’equilibrio di bilancio entro il 2013.  

Ma dietro lo scopo dichiarato di queste visite europee, emerge un obiettivo certamente meno dignitoso: evitare altri incontri, ma questa volta con la giustizia italiana, precisamente con quella di  Napoli. 

Il premier, in effetti, avrebbe dovuto essere sentito  come “persona danneggiata„ sul caso di presunto  ricatto da parte di Giampaolo Tarantini, un imprenditore di Bari che reclutava per lui escort-girls, tra le quali Patrizia di Addario, ai danni del Capo di Governo.   

Tarantini arrestato lo scorso 1 settembre, è sospettato di aver estorto centinaia di migliaia di euro al Cavaliere in cambio di dichiarazioni infedeli da rendere ai giudici relativamente ai festini che si sono svolti presso le residenze private di Roma e della Sardegna del Presidente. 

“Silvio Berlusconi smentisce ogni ricatto e dichiara di aver solo aiutato una famiglia (Tarantini) che stava attraversando serie difficoltà economiche„. 

In questa inchiesta, quindi, il premier non è assolutamente accusato. Ma soltanto citato come “persona informata sui fatti„.  

Tuttavia, il capo di Governo, ha evocato nuovi impegni legati alle sue funzioni e quindi la sua impossibilità a recarsi presso la Procura di Napoli. 

Fatto che ha costretto i magistrati a porre un limite di tempo: “Se entro domenica sera non si presenterà o non indicherà una data decisiva per essere ascoltato, verrà accompagnato in Procura con la forza”. Hanno indicato i pm di Napoli. 

La visita di Berlusconi proprio in quel giorno a Bruxelles e a Strasburgo ha destato sospetti anche europei. 

“Il fatto che Berlusconi tenti di strumentalizzare le istituzioni europee ai fini personali, è problematico„, ha commentato il leader degli europarlamentari socialisti, Martin Schulz, candidato a prossimo Presidente del Parlamento europeo, mentre l’europarlamentare francese   Joseph Daul ha commentato il fatto “In questo momento la priorità è la crisi del debito”.  

Articolo correlato: Estorsione ai danni di Berlusconi arrestati Tarantini e moglie

Ultimo aggiornamento 15 settembre 2011 ore 15,00

Tags:

Nessun commento

Lascia una risposta