Carmela Rea si cerca una sim card che potrebbe aver usato Parolisi

23 giugno 2011 13:370 commenti

Carmela Melania Rea, la 29enne ritrovata uccisa il 20 aprile in un bosco nel Teramano, avrebbe telefonato all’amante del marito Salvatore, minacciando di rivelare tutto ai superiori e sollevare uno scandalo in caserma con conseguenze prevedibili per i due amanti.

Melania avrebbe urlato alla soldatessa Ludovica: “Se non lasci stare mio marito, vi rovino. Vi faccio perdere il posto a tutte e due: vado a dire a mio padre e in caserma che te la facevi con mio marito mentre eri la sua allieva”.

Secondo gli inquirenti, Parolisi, da ieri mattina indagato per il delitto della moglie, per paura di compromettere la carriera, avrebbe deciso di mettere a tacere Melania. 

Gli investigatori ormai, hanno la ferma convizione che la famiglia Parolisi non sia mai stata nel bosco delle Casermette, dove è stato ritrovato il corpo di Melania. Chi l’ha uccisa, infatti, avrebbe trasportato il cadavere in quella zona per una messinscena. 

Intanto Raffaele Paciolla, la guardia carceraria, amico di Salvatre Parolisi, che ieri mattina, è stato nuovamente ascoltato dal sostituto Procuratore, ha  confermato di aver ricevuto da Salvatore, nei giorni precedenti la scomparsa e l’omicidio, due o tre sms da un numero di cellulare che non risulta agli atti dell’inchiesta. 


Una scintilla che ha fatto scattare la caccia a questo numero sconosciuto, un vago sospetto degli inquirenti, che le sim card segrete di Parolisi possano essere diverse, che lo stesso possa averle usate nei passaggi più scabrosi delle giornate precedenti e successive al delitto.  

Tutto ciò chiarisce la strana serenità con cui ha affrontato il ritrovamento di un suo telefonino,  all’esterno della struttura sportiva di Villa Pigna, rinvenuto, a seguito di segnalazione di un testimone, in un sacchetto del supermercato dove si recò con Melania l’ultima mattina che trascorsero insieme, ben nascosto da rametti sistemati ad arte. All’interno di questo cellulare, la sim card usata per mettersi in contatto con Ludovica, ma questo ormai era già noto agli investigatori, quindi, un ritrovamento che non poteva preoccuparlo più di tanto. 

Articoli correlati: Carmela Rea svelato mistero del telefonino; Carmela Rea giallo su un telefoninoCarmela Rea voleva lasciare il marito

Ultimo aggiornamento 23 giugno 2011 ore 15,35

 






Tags:

Nessun commento

Lascia una risposta