Che cos’ è la narcolessia

8 settembre 2013 10:290 commentiDi:

sonnoq

La narcolessia è una patologia in Italia ancora poco studiata e conosciuta, perché rara. Eppure nel nostro Paese ne soffrirebbero almeno 25 mila persone, anche se i casi, conclamati, quelli già messi in risalto e notificati da apposita diagnosi, sarebbero in realtà solo un migliaio. Ma in che cosa consiste la narcolessia?

La narcolessia è anche chiamata la malattia del sonno improvviso, perché è caratterizzata da un colpo di sonno invincibile e imprevisto che colpisce in un momento qualsiasi e imprevisto. Il colpo di sonno può essere anche associato inoltre a cataplessia, ovvero ad un generale e altrettanto improvviso cedimento del tono muscolare e da un risveglio in cui si è del tutto lucidi ma incapaci di muoversi e di parlare.


Le cause dell’insonnia

Tra i sintomi tipici di questa patologia, però, oltre alla cataplessia e lla sonnolenza diurna, trovano posto anche le allucinazioni, intese come sogni ad occhi aperti e le paralisi del sonno.

Perché si russa a letto

La diagnosi di questa patologia prevede invece il sottoporsi ad un esame polisonnografico del sonno notturno e il cosiddetto Multiple sleep latency, che serve a rilevare la gravità della sonnolenza notturna.

La ricerca medica tende a curare oggi la malattia potenziando l’ orexina, il peptide che mantiene svegli, ma in futuro si aspettano risultati anche dall’ impiego delle cellule staminali.






Tags:

Lascia una risposta