Che cosa sono i velobox, il nuovo terrore degli automobilisti

24 marzo 2014 17:230 commentiDi:

auto-particolare 08

Da alcuni mesi a questa parte sulle strade di alcune province d’Italia, in particolare quelle piemontesi, sono spuntate un gran numero di installazioni di colore giallo, arancione o grigio, nell’aspetto in tutto e per tutto simile a quello di un autovelox – magari solo leggermente meno ingombranti, rispetto ad alcuni modelli. 

Si tratta dei nuovi velobox, che sono nati come funghi soprattutto lungo le strade delle province di Torino e di Cuneo e che, nell’estetica, riportano un limite di velocità e la scritta indicante “controllo di velocità”. Sono, in effetti, dispositivi predisposti al controllo della velocità, ma che per il momento non funzionano come dei veri e propri autovelox, anche se dall’interno si vede provenire un fascio di luce azzurra che non promette nulla di buono.


Niente più multe sulle strisce blu oltre l’orario di sosta

I nuovi velobox, tuttavia, stanno funzionando come ottimi deterrenti nei confronti dell’incremento della velocità in alcuni tratti di strada, soprattutto tratti cittadini o circonvallazioni, che fino ad oggi erano state scambiate dagli automobilisti come sezioni distaccate delle piste di formula uno.

Gli automobilisti del posto, infatti, giunti davanti ai velobox, sono portati istintivamente a porre il piede sul freno, a rallentare o ad inchiodare addirittura in alcuni casi. Ma la presenza dei velobox in alcune province d’Italia ha fatto nascere una questione di fattibilità, per il momento, tra il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e i Comuni che hanno proceduto alle installazioni.

Il Ministero ritiene infatti di non poter classificare i velobox all’interno di nessun dispositivo di controllo o di segnaletica previsto dalle norme vigenti. In più, si tratta di dispositivi per lo più non autorizzati e non omologati. I sindaci, invece, che in molti luoghi grazie ai velobox hanno ottenuto i risultati sul traffico sperati, sarebbero più che favorevoli al loro uso.






Tags:

Lascia una risposta