Che cos’è la carovana dei custodi dei semi

29 aprile 2014 16:150 commentiDi:

caffe-verde

La carovana dei custodi dei semi è una iniziativa promossa da 26 associazioni di contadini di tutto il pianeta  guidati dall’ambientalista indiana Vandana Shiva che sta attraversando piano piano l’Europa al fine di difendere l’utilizzo dei semi tradizionali in agricoltura. 

Forse non tutti sanno, infatti, che l’agricoltura intensiva, quando non fa uso di semi di piante geneticamente modificate – in Europa il loro utilizzo, tuttavia, è proibito – impiega solo una ridotta quantità di semi che assicurano il maggior rendimento agricolo e, di conseguenza, anche il maggior profitto.

Questo comportamento, tuttavia, questa selezione imposta dall’alto delle grandi multinazionali, nuoce gravemente all’ambiente e alla normale sopravvivenza della sua biodiversità, che troverebbe invece maggior guadagno dalla conservazione di tutte le specie naturali e dei loro semi, tradizionali, gratuiti e ricchi di sapori antichi.


La carovana dei custodi dei semi è quindi un movimento nato dagli ambienti agricoli e dai contadini più poveri del pianeta per abbattere il monopolio costituito dall’agroindustria, che gestisce circa i tre quarti di semi circolanti sul globo. Nel corso dei secoli circa 10 mila specie vegetali sono state utilizzate per nutrire gli uomini. Oggi questa varietà si è drasticamente ridotta a sole 150 colture, di cui 12 soltanto sono le più utilizzate su scala mondiale.

La drastica riduzione della varietà delle colture, tuttavia, con il passare del tempo e il propagarsi dei fenomeni di mutamento climatico potrebbe rivelarsi decisamente negativa per l’uomo, che rischia di perdere un patrimonio biologico che invece potrebbe risultare utile in tempo di bisogno.

Alla carovana dei custodi dei semi partecipa anche Peliti, la più importante organizzazione europea per la raccolta, la conservazione e la distribuzione dei semi tradizionali, a cui aderiscono più di 220 agricoltori greci che distribuiscono gratuitamente i loro semi.






Tags:

Lascia una risposta