Che cos’è la steatosi

In medicina si usa il termine steatosi per indicare un accumulo abnorme di goccioline di grassi nel citoplasma delle cellule, accumulo che si verifica principalmente nel rene, nel fegato e nel miocardio. Questa alterazione cellulare viene di norma attribuita ad uno squilibrio tra la quantità di grassi che giungono alle cellule per essere metabolizzati e l’effettiva capacità di metabolizzazione delle cellule stesse.

Un’altra causa della steatosi può essere invece individuata in un problema o un danno cellulare, che si esprime nella incapacità di metabolizzare i grassi.

Tra i fattori considerati responsabili della steatosi vi sono quelli tossici. Fra questi l’alcol etilico è sicuramente uno dei principali,  la steatosi epatica infatti si presenta costantemente nell’alcolismo. Nel nostro paese soffre di questa patologia il 10-20% degli italiani, e il fenomeno si dimostra in crescita tra i giovani. Si registrano inoltre anche i primi casi di steatosi nei bambini, circa il 15% della popolazione infantile, come conseguenza dell’obesità infantile.

Le steatosi, infatti, si possono verificare anche in soggetti con problemi di dislepidemia e di obesità, oppure che hanno un regime alimentare molto ricco di grassi. Questa patologia può insorgere infine come conseguenza di malattie infettive o squilibri ormonali.

La steatosi cellulare è un processo reversibile, ma nei casi più gravi può portare alla morte della cellula stessa.

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *