Che cos’è la truthiness

11 dicembre 2012 13:300 commentiDi:

Un gruppo di ricerca dell’Università neozelandese di Wellington ha condotto uno studio per cercare di capire quali sono i fattori fondamentali che influenzano i giudizi umani in fatto di verità e falsità delle informazioni.

Come distinguere il vero dal falso

I ricercatori hanno quindi sottoposto un gruppo di volontari ad una serie di test psicologici per capire quali fossero i processi mentali coinvolti nell’elaborazione del verdetto finale di veridicità o falsità, individuando tre elementi che hanno un certo peso nell’influenzare i nostri giudizi. Uno di questi è la cosiddetta “truthiness, che identifica ciò che percepiamo come verità ma in realtà non lo è. 


Truthiness è infatti un neologismo coniato da un comico americano, Stephen Colbert, durante l’era Bush, per indicare quella verità posticcia creata da televisione, giornali e spot pubblicitari a cui però diamo fede perché riferisce proprio quello che vorremmo sentirci dire (che fosse vero) in quel momento.

Che cos’è la fluenza

La truthiness si fonda dunque sul nostro soggettivo senso della verità, che non coincide affatto con la verità assoluta ed oggettiva, ma può essere facilmente alterato sotto la spinta di impulsi emozionali. Si tratta quindi di una verità che estemporaneamente e d’impulso accettiamo come tale,  e che insieme alla fluenza e alle informazioni di contorno costituisce uno dei fondamenti psicologici del nostro giudizio.






Tags:

Lascia una risposta