Che cos’è l’Earth Hour del WWF

29 marzo 2014 17:480 commentiDi:

terra

L’Earth Hour o l’Ora della Terra è una iniziativa promossa dal WWF, il Fondo mondiale che si occupa della tutela della natura e dell’ambiente, per sensibilizzare i governi del Pianete ad adottare politiche più incisive in fatto di sostenibilità ambientale, risparmio energetico e taglio alle emissioni di CO2. 

L’Earth Hour consiste nella realizzazione del tutto eccezionale di un’ora di buio in alcuni luoghi simbolo della Terra, normalmente illuminati, ottenuta spegnendo per 60 minuti le luci che tradizionalmente li illuminano. Questa operazione, come ormai tradizione, verrà compiuta in successione in diversi luoghi del Pianeta.


Per quanto riguarda il 2014, anno in cui questa manifestazione raggiunge la sua ottava edizione, la catena del buio inizierà il 29 marzo dalle Isole Samoa e si concluderà a Tahiti. L’appuntamento italiano è fissato sempre per il 29 marzo alle ore 20,30, quando si spegneranno per un’ora le luci che illuminano la facciata di San Pietro. Ma il luogo simbolo della cristianità mondiale non sarà il solo a partecipare all’evento in Italia.

Le luci si spegneranno anche sulla Torre di Pisa, nella Valle dei Templi, sulla Basilica di Santa Croce a Firenze, in Piazza San Marco a Venezia, e in Piazza del Plebiscito a Napoli a Milano.

Ma in questa edizione 2014 anche altri luoghi importanti del mondo caleranno nel buio. Tra questi vi saranno l’Empire State Building, il Tower Bridge di Londra, la Porta di Brandeburgo, la Torre Eiffel, il Cremlino, la Piazza Rossa di Mosca e perfino  l’Artico e l’Amazzonia.

All’Earth Hour possono però dare il loro contributo anche le persone comuni partecipando agli eventi che saranno nei diversi paesi in abbinamento alla manifestazione. Questa iniziativa ha avuto la sua prima origine in Australia a Sidney, nel 2007, dove è stata promossa dal gruppo locale del WWF e dal quotidiano Sidney Morning Herald.






Tags:

Lascia una risposta