Cinquantesimo anniversario della morte di Marilyn Monroe

5 agosto 2012 10:590 commenti

Il 5 agosto 1962 moriva Marilyn Monroe, indimenticabile icona del Novecento. A distanza di 50 anni dalla morte l’attrice resta ancora oggi un mito intramontabile: celebrata dal Festival di Cannes, l’attrice viene anche ricordata da Hollywood che le rende omaggio con una mostra di foto e oggetti a lei appartenuti.

L’attrice morì a 36 anni, quando fu trovata nella sua casa di Brentwood, a Los Angeles, senza vestiti, la mano sulla cornetta del telefono. Ufficialmente Marilyn morì a causa di un’overdose di barbiturici: la morte fu classificata come “probabile suicidio”, ma la morte dell’attrice resta ancora avvolta nel mistero. In molti continuano a pensare che non si trattò realmente di un suicidio, ma che l’attrice fu vittima di un complotto dei Kennedy o di una vendetta della mafia americana.

SCATTI INEDITI MARILYN MONROE ALL’ASTA IN POLONIA


Norma Jeane Baker, in arte Marilyn Monroe, nasce a Los Angeles il 1 giugno 2926. La madre, Gladys è schizofrenica, e la giovane Marilyn trascorre un’infanzia infelice soprattutto presso diverse case-famiglia. Comincia a lavorare come modella e arriva al cinema quasi per caso: ottiene i primi ruoli importanti in Giungla d’asfalto ed Eva contro Eva.

 

Il 1953 è l’anno della consacrazione con Niagara, Gli uomini preferiscono le bionde e Come sposare un milionario, nel 1954 sposa il campione di baseball Joe Di Maggio, ma il matrimonio dura solo un anno e si dice che la rottura definitiva fu causata dalla celebre scena della metro di Quando la moglie è in vacanza.

Anche il terzo matrimonio con il drammaturgo Arthur Miller finisce male e per Marilyn la dipendenza da alcool e farmaci comincia a farsi sempre più grave. Il crollo psicofisico si ripercuote rapidamente anche sul lavoro: gira Il principe e la ballerina con Laurence Olivier e già durante la lavorazione di film come A qualcuno piace caldo (1959), Facciamo l’amore, Gli spostati (l’ultimo film), l’attrice diventa sempre più incontrollabile e distratta al punto tale che la Fox decide di licenziarla.

Intanto Marilyn diventa l’amante del presidente John Kennedy, e successivamente anche del fratello, Bob. La sua vita finisce in quel tragico 5 agosto 1962 quando viene ritrovata senza vita in circostanze misteriose. 






Tags:

Lascia una risposta