Come comunicare al conduttore l’adesione alla “cedolare secca”

19 novembre 2012 18:280 commentiDi:

Se avete degli immobili in affitto e, in quanto locatari, avete deciso di aderire al regime della “cedolare secca” e quindi di rinunciare agli adeguamenti ISTAT sul canone annuale di locazione, secondo quanto recita l’art. 3 c. 11 del D. Lgs. n. 23 del 7 Marzo 2011, potete darne comunicazione ai conduttori seguendo queste semplici indicazioni.

Dovete redigere una lettera in carta semplice indirizzata ai vostri conduttori in cui, dopo l’intestazione (in alto a destra) che riporta i loro dati anagrafici, specificherete che, essendo vostra intenzione aderire al regime speciale della “cedolare secca sugli affitti” secondo quanto previsto dall’art. 3 c. 11 del D. Lgs. n. 23 del 7 Marzo 2011, comunicate di rinunciare alla facoltà di chiedere qualsiasi aggiornamento del canone di affitto, inclusi gli adeguamenti ISTAT, per il periodo che va dal …………. al ………… come descritto dal contratto di locazione stipulato in data ……………… e relativo all’immobile ………………….

Dovrete quindi confermare che il canone di locazione fissato in euro ……………. resterà invariato per l’intera durata contrattuale, e che non saranno più dovute, da parte del conduttore, le imposte annuali di registro.

Potete quindi chiudere questa comunicazione scritta con una delle formule di cortesia che normalmente vengono usate nelle scritture formali (ad esempio “Restando comunque a Sua completa disposizione per ogni eventuale chiarimento in merito, porgo i miei più cordiali saluti”), apporre in basso a sinistra la data e in basso a destra la vostra firma.

Tags:

Lascia una risposta