Come disdire il canone RAI

22 novembre 2012 19:120 commentiDi:

Vi potrebbe capitare, in un certo momento della vostra vita, di voler disdire il canone Rai. In questo post troverete alcune utili informazioni su come farlo (anche se verrà descritto a parte che cos’è e come si richiede il suggellamento della tv).

Gli abbonati che intendono disdire il canone RAI, devono prima di tutto accertarsi di aver corrisposto interamente il canone relativo all’anno in corso e di non avere altre pendenze con lo Sportello Abbonamenti Tv (S.A.T.). La disdetta dell’abbonamento, inoltre, può essere  richiesta alla compagnia esclusivamente se si verifica una delle due condizioni seguenti.

La prima è che l’abbonato ceda fisicamente tutti gli apparecchi in suo possesso dando alla compagnia esatta comunicazione delle generalità e dell’ indirizzo del nuovo possessore; la seconda è che l’abbonato comunichi di non essere più in possesso di alcun apparecchio televisivo (ad es. per furto, per incendio o per guasto).


In questi casi sarà sufficiente compilare la cartolina “D” (la “B” se il libretto è recente), allegata al vostro libretto nella parte 1, ed inviarla come Raccomandata oppure, se non siete in possesso del libretto, compilare un apposito modulo di disdetta e spedirlo a:

Agenzia delle Entrate – Direzione Provinciale I di Torino –

Ufficio territoriale di Torino 1 Sportello S.A.T.

Casella postale 22 – 10121 Torino (To).

Bisogna ricordare però che la disdetta dell’abbonamento RAI notificata entro il 31 dicembre esonera l’abbonato dal pagamento del canone dal 1 gennaio dell’anno successivo, mentre la disdetta dell’abbonamento RAI notificata entro il 30 giugno lo esonera dal pagamento del canone dal primo luglio seguente.

Qualora tuttavia l’abbonato abbia già corrisposto l’intera annualità per legge non è possibile effettuare alcuna richiesta di  rimborso.






Tags:

Lascia una risposta