Come prevenire il bullismo

14 dicembre 2012 14:041 commentoDi:

 

 

Il bullismo è un problema che negli ultimi anni è diventato molto importante in Italia. Il fenomeno è molto presente nelle scuole e c’è il problema sociale dell’aumento dei “bulli”, che sono probabilmente figli di una cultura che ha perso di vista alcuni aspetti fondamentali come il rispetto e l’accettazione degli altri.

Sono sempre di più i casi di violenza perpetrata verso i più deboli e verso le diversità. Qualche giorno fa un giovane si è suicidato perché era probabilmente oggetto di bullismo a scuola per la sua presunta diversità.


► Ragazzino si suicida perché preso in giro

Si discute sul bullismo e si cercano azioni di prevenzione, ma per prima cosa bisogna capire il fenomeno e il contesto da dove questi discende. Infatti, invece di cercare di “curare” il singolo bullo, con interventi mirati solo su di lui, bisognerebbe considerare che è spesso il contesto a favorire il suo comportamento. Ad esempio, nelle scuole dove gli interventi sul bullismo hanno coinvolto tutti gli attori sociali implicati nel processo formativo e organizzativo, dai ragazzi agli insegnanti, dai genitori ai dirigenti scolastici, i risultati sono stati migliori. In questo senso, il bullismo è come un sintomo di un’organizzazione che non funziona e il cambiamento, quindi, dovrebbe riguardare l’intero contesto.

 

 






Tags:

1 commento

  • Francesco Muré

    Mio figlio di 7anni tornava a casa sempre sporco di fango e lo zaino con le impronte delle scarpe con le quali un compagno regolarmente gli camminava sopra.Nei vari colloqui con la maestra quest’ultima mi riferiva sempre che “la colpa era sempre di mio figlio” …Quello che trovo Agghiacciante é la diffusa incapacità dei docenti di riconoscere
    i segni del bullismo,anzi la intolleranza verso la sofferenza del bambino vittima che chiaramente spesso risponde a tutto ciò con comportamenti “difficili”.Disgustati dalla risposta della insegnante lo abbiamo iscritto in un altra scuola nella quale ci sembra essere più sereno.Grazie per avermi dato la possibilità di esporre la nostra storia.Da Carbonera (Tv).

Lascia una risposta