Come ricorrere al Giudice di Pace per non pagare una multa

7 novembre 2012 09:510 commenti

Avete ricevuto una contravvenzione per violazione del codice della strada ma ritenete che la multa sia ingiusta? Potete ricorrere al Giudice di Pace del luogo in cui vi è stata fatta la multa, per chiederne l’annullamento, entro 30 giorni dal momento in cui stata notificata o personalmente contestata.

RICORSO AL GIUDICE DI PACE

Entro il termine (più lungo) di 60 giorni potete, invece, fare un ricorso destinato all’indirizzo del Prefetto.

Se anche il prefetto pone il suo diniego, pagherete la multa in misura doppia. Ma non tutto è perduto. Contro l’ordinanza del Prefetto ci si può opporre, ricorrendo al giudice di Pace.


Se avete ricevuto una cartella di pagamento, in virtù del fatto che non avete pagato una multa, mai notificata, fate ricorso contro la cartella di pagamento stessa entro 30 giorni dalla notifica, dinanzi al Giudice di Pace competente.

Davanti al Giudice è possibile fare ricorso anche contro il preavviso di fermo amministrativo o l’avviso di messa in mora, mandati dal concessionario del servizio di riscossione, se precedentemente non vi era stata notificata la multa né la cartella esattoriale.

Entriamo nel dettaglio:

“La presentazione del ricorso non sospende automaticamente l’efficacia dell’atto impugnato. Tale sospensione deve essereespressamente richiesta nel ricorso. Il questo caso il Giudice dovrà fissare l’udienza non oltre giorni 20 dalla presentazione del ricorso ed in quella udienza, nel contraddittorio tra le parti, deciderà se sospendere o meno l’efficacia dell’atto impugnato. Il presupposto perchè tale sospensione avvenga è che vi siano gravi e documentati motivi”.






Tags:

Lascia una risposta