Cosa fare in caso di terremoto: il decalogo della Protezione Civile

30 maggio 2012 14:290 commenti

Sul sito della Protezione Civile sono presenti alcune regole comportamentali da seguire in caso di terremoto per evitare di mettere in pericolo la propria vita e quella delle persone vicine, un vero e proprio decalogo da tenere sempre bene a mente.

Se ci si trova in un luogo chiuso, in particolare, occorre cercare riparo nel vano di una porta inserita in un muro portante o sotto una trave in quanto può proteggere da eventuali crolli, in alternativa si può cercare riparo sotto un tavolo. In ogni caso è necessario allontanarsi da mobili, vetri e oggetti pesanti. Non bisogna inoltre precipitarsi verso l’ascensore o le scale, in quanto le scale sono nella maggior parte dei casi la parte più debole dell’edificio, mentre l’ascensore potrebbe bloccarsi.

TERREMOTO IN EMILIA CAUSATO DA UNA NUOVA FAGLIA?


Se ci si trova in auto occorre non sostare in prossimità di ponti, di terreni franosi o di spiagge, in quanto potrebbero lesionarsi, crollare oppure essere investiti da onde di tsunami.

Se ci si trova all’aperto occorre allontanarsi da costruzioni e linee elettriche in quanto potrebbero crollare. E’ bene inoltre allontanarsi anche da impianti industriali e linee elettriche poiché è possibile che si verifichino incidenti. Anche in questo caso è necessario allontanarsi dai bordi dei laghi e dalle spiagge marine in quanto c’è il rischio di onde di tsunami.

MAPPA DEL RISCHIO SISMICO DEVE ESSERE AGGIORNATA SECONDO CLINI

La Protezione Civile, inoltre, consiglia di non andare in giro a curiosare, in quanto occorre evitare di avvicinarsi ai pericoli e raggiungere il prima possibile le aree di attesa individuate dal piano di emergenza comunale. E’ inoltre necessario evitare di usare il telefono e l’automobile, in modo tale da lasciare le linee telefoniche e le strade libere per non intralciare i soccorsi.






Tags:

Nessun commento

Lascia una risposta