Costa Concordia il comandante avrebbe voluto compiacere il maitre

16 gennaio 2012 14:530 commentiDi:

L’origine del naufragio della grande nave da crociera, Costa Concordia, non avrebbe potuto essere così tanto sconcertante. Secondo il Corriere della Sera, il comandante Francesco Schettino, avrebbe voluto fare un piacere al maitre della nave, originario dell’isola del Giglio, passando vicino alle sue coste. Un’ipotesi che rafforza i sospetti di leggerezza del comandante e le sue responsabilità nel naufragio di venerdì sera.

Secondo il quotidiano, il comandante di bordo, poco prima dell’incidente, avrebbe fatto chiamare il maitre Antonello Tievoli, per fargli raggiungere il ponte. “Antonello vieni a vedere siamo vicini al Giglio”, avrebbe detto Schettino secondo alcuni  testimoni citati dal giornale. Tievoli avrebbe dovuto lasciare la nave per un congedo la scorsa settimana, ma per mancanza di un sostituto si sarebbe visto annullare il suo periodo di ferie. Il comandante Schettino avrebbe voluto così fargli un favore, deviando la rotta della nave per poter passare vicino alle coste rocciose dell’isola toscana. 


Attenzione, siamo estremamente vicini alla costa„, ha annunciato allarmato il maitre salito sul ponte superiore, ma purtroppo l’impatto si è verificato pochi istanti dopo. Tievoli ha raccontato la sua versione dei fatti alla Guardia costiera, ma dovrebbe rendere tali dichiarazioni entro oggi, anche ai carabinieri che seguono l’indagine, cercando di ricostruire esattamente le cause del drammatico sinistro. 

Articolo correlato: Costa Concordia tra i dispersi una bimba di cinque anni

Ultimo aggiornamento 16 gennaio 2011 ore 15,53






Tags:

Nessun commento

Lascia una risposta