Costa Concordia ragazza moldava in plancia con Schettino

19 gennaio 2012 11:520 commentiDi:

E’ trapelata poche ore fa la notizia che il Comandante della Costa Concordia, Francesco Schettino, era ai comandi della nave in compagnia di una ragazza moldava. In plancia quindi era presente una persona non autorizzata, ma ancor più grave è il fatto che la passeggera non era registrata.

Cosa ci faceva allora una ragazza non qualificata alla plancia di una nave assieme al comandante?

Una bella ragazza di venticinque anni, moldava o forse romena. Il suo nome sarebbe (il condizionale è d’obbligo) Dominika. Una graziosa ospite sprovvista di biglietto, quindi non pagante, di uno degli ufficiali diventato famoso agli occhi del mondo intero come il “Capitano codardo” della Costa Crociere.


Ora nella sciagura del Giglio entra a far parte anche una figura femminile, una figura ancora misteriosa. Durante l’impatto della nave contro gli scogli dell’Isola del Giglio, dalla porta d’ingresso della plancia ufficiali è uscita lei, la stessa donna che era seduta per la cena allo stesso tavolo del comandante Schettino.

Francesco Schettino durante l’interrogatorio avrebbe rivelato il nome della donna, nominativo non presente sulla lista passeggeri della nave. Ora si cerca la donna misteriosa.

La ragazza bionda in compagnia del comandata è stata notata anche da altri passeggeri, tra questi una donna olandese, Monique Maurek, 41 anni che intervistata dal Daily Mail ha riferito: “il comandante quella sera si trovava in uno dei bar della nave con una bella donna al braccio”. Mentre alcune testimonianze riportate da altri passeggeri italiani dicono di aver notato il comandante, verso le ore 21,15 arrivare al ristorante in compagnia di  due ragazze, una bionda e una con i capelli scuri. Schettino “Mostrava alle due ragazze la vetrata del ristorante, la vetrata da cui si vedeva il Giglio”.

Articolo correlato: Costa Concordia riprese ricerche superstiti

Ultimo aggiornamento 19 gennaio 2012, ore 12,53

 






Tags:

Nessun commento

Lascia una risposta