I costi e gli sprechi della RAI

4 giugno 2014 16:540 commentiDi:

rai

Anche la RAI, la tv di stato finisce nel mirino della spending review, come del resto molti e onorabili settori  dello stato italiano in questi ultimi mesi e il governo chiede a Viale Mazzini di intervenire sui costi. Sulle spese, che di anno in anno, non sembrano orientate verso una progressiva diminuzione, ma ad un aumento, pensando al recupero di circa 150 milioni di euro.

 

Le riduzioni degli stipendi dei dipendenti e dirigenti della Rai

Un sacrificio che, a guardare bene, cioè a guardare bene il bilancio del 2012, è uguale all’incirca al 5 per cento delle spese sostenute dalla RAI nel corso di quell’anno. Ma in verità quanto spende la tv pubblica per assicurare il suo servizio, i suoi paladini  mediatici e le sue fiction, cioè le produzioni home – made?


Ultima scadenza canone Rai, come e quanto si paga

All’interno della RAI lavorano all’incirca 13 mila dipendenti, tra lavoratori a tempo determinato e lavoratori a tempo indeterminato,  di cui circa 2 mila giornalisti professionisti. Il loro costo complessivo in retribuzioni è di circa 1 miliardo di euro.

Ecco quindi come si possono indicare in un elenco le altre voci di costo sostenute:

  • 132 milioni di euro l’anno per il lavoro autonomo
  • 197,7 milioni di euro per la produzione di programmi esterni – fanno parte di questa categoria di programmi anche Ballarò, Che tempo che fa e Porta a porta
  • 1,37 milioni di euro per ogni puntata delle fiction fatte in casa – come un Posto al sole o Un medico in famiglia – ma tali costi possono raggiungere e superare i 4 per le produzioni di tipo storico – culturale.

Per avere un termine di confronto su costi, spese e sprechi dello star system pubblico è possibile fare un utile confronto con le cifre dichiarate da un case history di successo come Sky, azienda privata, è vero, ma che spesso lavora in maggiore economia e ottiene più profitti.






Tags:

Lascia una risposta