Crollo Pil Mezzogiorno

29 dicembre 2012 13:450 commenti

Ci risiamo. Nuovamente dinanzi a un gravissimo crollo del Prodotto Interno Lordo del Sud Italia. In quattro anni, nel periodo che va dal 2007 al 2011, il Pil del Meridione è calato di quasi 24 miliardi di euro. In percentuale si tratta di un significativo e triste -6,8%. I dati sono contenuti in uno studio di Confindustria, che ha preso il titolo ”Check-up Mezzogiorno”.

Che la crisi si sente maggiormente al mezzogiorno non è una scoperta recente. La questione più rilevante da sottolineare è di natura occupazionale, morale ed evoluzionistica. Ecco cosa ha portato al crollo del Pil.

Partiamo dal sottolineare che negli ultimi 4 anni ben 16.000 imprese hanno chiuso i battenti. Le conseguenze sono terribili. Ciò, infatti, provoca una lacerante perdita del lavoro per ben 330.000 persone.


La Campania è la Regione più colpita. Si dà il caso che, infatti, la metà delle imprese in questione è stata chiusa proprio nell’area suddetta. I dati arrivano al 2011, ma nel 2012 nulla è cambiato. Anzi, la situazione del lavoro al Sud è anche peggiorata. Basti pensare che il tasso medio di disoccupazione è ulteriormente aumentato, portandosi dal 13,6% al 17,4%.

Check Up Mezzogiorno

La crisi, dunque, esiste, resiste e persiste al Sud. I motivi del crollo del Pil e del calo dell’occupazione sono dovuti alla fortissima diminuzione degli introiti derivanti  dagli investimenti pubblici e da quelli privati. Stiamo parlando di ben 7 miliardi in meno negli ultimi quattro anni, nonché di 8 miliardi di euro in meno per quanto concerne gli investimenti fissi lordi nello stesso periodo preso in considerazione da Confindustria nel suo studio analitico.

Esodo Giovani

Inutile negarlo. Il Meridione versa sempre in più in situazioni drammatiche, navigando in cattive acque dal punto di vista occupazionale. Così, a ragion veduta, tantissimi giovani scelgono di lasciare la propria terra madre per andare a vivere al Centro, al Nord, o all’estero. Basti pensare che nel 2010 anni fa 110.000 persone hanno optato per questa (amara decisione). Il capitale umano che rimane sul territorio, però, è inutilizzato.






Tags:

Lascia una risposta