Curare la dislessia con tablet e smartphone

26 novembre 2012 21:020 commenti

Sono moltissimi i bambini che soffrono di dislessia. Curarla, però, non è impossibile. Un gruppo di ricercatori dell’Università di Saint Louis (Usa) hanno provato a ripensare la lettura come un’attività divertente e a proporre un metodo per curare la dislessia con le applicazioni per smartphone e tablet.

Secondo gli studiosi che hanno effettuato la ricerca un approccio multisensoriale aiuta i malati di dislessia. Come?

Se un dislessico legge un manuale cartaceo, dopo averci provato, affermerà che non è capace di farlo. Se viene chiesto lui di leggere un testo tramite uno smartphone o tramite tablet sarà felice di farlo.

► Rivoluzione tecnologica sulla sedia del dentista

La app consentono ai bambini con difficoltà linguistiche di questo tipo di ricevere nuovi stimoli nella scrittura e nella lettura. Così, anche fra i banchi di scuola, troverebbero un modo per far crescere la loro autostima.

Oltre alle attività tecnologiche i bambini potrebbero trarre giovamento poi da altre attività quotidiane. L’importante, infatti, è leggere divertendosi, leggendo dunque cose divertenti.

Le attività che coinvolgono i bambini rendendoli felici sono molteplici e aiuteranno questi ultimi a leggere e scrivere in modo migliore.

La dislessia colpisce attualmente il 10% della popolazione mondiale. Questa ricerca potrebbe prevenire il problema alla radice, prevenendo o curando la malattia sin dalla tenera età.

 

Tags:

Lascia una risposta