Detrazione bonus energia 55% in dieci anni

1 giugno 2012 15:350 commenti

Il bonus energia, ovvero la detrazione fiscale del 55% sugli interventi di riqualificazione energetica degli edifici, da quest’anno dovrà essere recuperato in più anni di imposta. Con Unico 2012, infatti, tale detrazione dovrà essere distribuita su dieci annualità di pari importo anziché su cinque come previsto in precedenza.

NOVITÀ DETRAZIONE ASSICURAZIONE AUTO RIFORMA FORNERO

La detrazione del 55% può essere utilizzata per alleggerire sia il peso dell’Irpef che quello dell’Ires, ne deriva quindi che possono beneficiare di tale agevolazione: le persone fisiche, anche quelle che esercitano arti e professioni; i contribuenti che conseguono un reddito d’impresa, quindi società di persone e società di capitali; le associazioni tra professionisti; gli enti pubblici e privati che svolgono attività commerciale. Qualora si tratti di contribuenti titolari di reddito d’impresa, tuttavia, è necessario che gli interventi vengano eseguiti su fabbricati strumentali utilizzati nell’esercizio della propria attività imprenditoriale e che conseguano un effettiva riduzione dei consumi energetici nell’ambito di tale attività. Sono invece esclusi da tale beneficio gli immobili locati a terzi e quelli affittati da società immobiliari.


DETRAZIONE INTERESSI PASSIVI MUTUO 2012

Più nel dettaglio, gli interventi che possono fruire di tale agevolazione si dividono in quattro categorie:

interventi di riqualificazione energetica globale, riferiti quindi ad interi edifici e per i quali è possibile ottenere una detrazione massima di 100.000 euro;

interventi sull’involucro dell’edificio, ovvero strutture opache verticali, orizzontali e finestre, per i quali è possibile ottenere una detrazione massima di 60.000 euro;

installazione di pannelli solari, con una detrazione massima di 60.000 euro;

interventi di sostituzione di impianti dotati di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione, per i quali è possibile ottenere una detrazione massima di 30.000 euro.






Tags:

Lascia una risposta