Diamanti, Farrow contraddice la Campbell

Charles Taylor

L’attrice Mia Farrow ha testimoniato, oggi, davanti al Tribunale Speciale per i crimini di guerra dell’Aja (TSSL), smentendo, letteralmente,  la top model Naomi Campbell, la quale disse di aver ricevuto in dono diamanti “sporchi”, senza conoscerne la provenienza. 

Mia Farrow ha dichiarato, invece, che Naomi Campbell sapeva da chi giungevano i diamanti insanguinati, che ricevette la top model dopo una cena di beneficenza, da un dittatore africano. 

Contraddicendo così la testimonianza resa dalla Campbell davanti alla Corte dell’Aja, la scorsa settimana, l’attrice ha affermato che Naomi le confessò di aver ricevuto “un enorme diamante” da Charles Taylor. 

La Farrow ha sottolineato che la Campbell era “molto eccitata” la mattina dopo a colazione, raccontando l’episodio del regalo. 

Questa dichiarazione si discosta molto, dalla testimonianza della scorsa settimana della Campbell, che aveva dichiarato, davanti alla procura, di aver ricevuto “sassolini sporchi  da due uomini” ma non sapeva chi fosse il vero donatore. 

Taylor respinge tutte le 11 accuse che si ritrova a dover affrontare davanti al Tribunale speciale per la Sierra Leone, tra le quali omicidio, stupro, riduzione in schiavitù sessuale e reclutamento di soldati bambini. 

I procuratori sostengono che i ribelli della Sierra Leone, armati e comandati dall’ex presidente liberiano, uccisero e mutilarono migliaia di persone durante la lunghissima guerra civile: 1992-2002. 

Egli respinge, inoltre, l’accusa di possesso di diamanti grezzi. 

Sulla scia della testimonianza della Campbell, che disse di aver donato le pietre a Jeremy Ractliffe, uomo di fiducia di Nelson Mandela, con la raccomandazione di utilizzarli per scopi umanitari,  è stato reso noto, che la polizia ha proceduto al sequestro di una cassetta di sicurezza contenente i diamanti, a casa di Ractliffe a Johannesburg. 

L’uomo ha ammesso di aver tenuto segreto il fatto per 13 anni.

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *