Differenza tra legato e testamento

6 giugno 2012 13:150 commenti

In materia di successione occorre distinguere tra successione a titolo universale e successione a titolo particolare: la prima coincide con l’acquisto della qualità di erede, che ricordiamo succede al defunto in tutti i suoi rapporti, mentre la seconda si verifica nel caso in cui attraverso un testamento il soggetto defunto abbia attribuito qualcosa di specifico ad un determinato soggetto. In quest’ultimo caso, dunque, si parla di legato, ossia di una specifica disposizione testamentaria che però non comporta l’acquisto della qualità di erede ma quella di legatario.

CHE COS’È IL LEGATO

A fronte di ciò, dunque, il legatario è un successore a titolo particolare, in quanto non succede al defunto in tutti i suoi rapporti ma esclusivamente in quel rapporto giuridico oggetto del legato. L’erede, al contrario, è considerato successore universale.

Altra importantissima differenza tra erede e legatario riguarda i debiti del soggetto defunto. L’erede, infatti, è chiamato a rispondere dei debiti del defunto anche oltre l’attivo ereditato, quindi anche nel caso in cui il valore dell’eredità risulti insufficiente a colmare i debiti del defunto, sempre che non abbia accettato l’eredità con beneficio di inventario, mentre il legatario non risponde dei debiti del defunto oltre il valore del suo legato, motivo per il quale non è previsto che il legato debba essere accettato, ferma restando la possibilità di rifiutarlo.

DIFFERENZA TRA TESTAMENTO OLOGRAFO, PUBBLICO E SPECIALE

La qualità di erede e di legatario, tuttavia, non sono incompatibili e quindi possono coesistere. Poniamo ad esempio il caso in cui il testatore nomini suoi eredi i suoi due figli e che disponga a favore di uno solo di questi un legato mediante il quale gli attribuisce un determinato bene, ad esempio la collana della nonna. In tal caso il patrimonio del defunto andrà interamente diviso in due, fatta eccezione per la collana che andrà solo al legatario. In altre parole, dunque, uno dei due figli è sia erede che legatario, inoltre può ricevere il bene oggetto del legato anche in caso di rinuncia all’eredità, così come pure può decidere di accettare l’eredità ma di rinunciare al legato, facendo così rientrare la collana nel patrimonio oggetto della divisione.

Tags:

Lascia una risposta