Dimissioni Papa e la profezia di Malachia

12 febbraio 2013 12:030 commenti

Una notizia, quella del Papa che lascia il pontificato, tale da sconvolgere il mondo intero. L’annuncio dato a sorpresa nella giornata di ieri da Benedetto XVI lascia un alone di dubbi, perplessità e teorie di vario tipo. Si è parlato molto della profezia di Nanni Moretti in “Habemus Papam”, film che racconta l’abdicazione di un Papa che non riesce a procedere bene nella sua missione.

Ma la storia esoterica indica altri casi che fanno sicuramente riflettere. Tra questi spicca la ‘Profezia di Malachia, che ipotizza la fine del mondo‘. Si tratta di una lista di 111 frasi brevi scritte in latino. Le frasi indicano altrettanti Papi. Molti ritengono che siano una sorta di premonizione sulla fine del mondo e la attribuiscono a San Malachia di Armagh.


Ultimo Papa, fine di Roma e fine del mondo

Alcuni esegeti della lista la interpretano affermando che Papa Benedetto XVI sarebbe il penultimo Pontefice. Tale elenco terminerebbe con un Papa che viene descritto con le parole ‘Petrus Romanus’. Il suo pontificato, secondo la profezia, si chiuderà con la distruzione della città di Roma e, probabilmente, in contemporanea alla fine del mondo.

La tradizione vuole che la lista sia stata redatta o dettata da San Malachia nel 1139 nel corso di una sua visita a Roma. In poche righe sono trascritte le peculiarità di ogni Papa e di alcuni antipapi. La lista parte da Celestino II, che venne eletto Pontefice nel 1143.

Non mancano coloro che asseriscono che la profezia sia un falso del XVI secolo, redatto da un falsario umbro, tale Alfonso Ceccarelli, per esercitare un’influenza sui cardinali che prendevano parte al Conclave del 1590.

 






Tags:

Lascia una risposta