Droga dello stupro cos’è e come funziona

31 agosto 2012 14:480 commenti

Scatta in Italia l’allarme per la droga dello stupro di cui si registra una diffusione in costante e pericoloso aumento. È chiamata in gergo droga dello stupro visti e considerati i suoi effetti dato che chi la assume infatti non riesce a ricordare praticamente nulla, neppure le violenze subìte. Ma che cos’è esattamente la droga dello stupro?

È una sostanza indicata come Gbl, gamma-butirrolattone, che di fatto addormenta il sistema nervoso provocando disturbi sulla memoria e sull’orientamento. Una volta assunta, anche in piccolissime dosi, la vittima non ricorda nulla degli ultimi avvenimenti e a seconda del dosaggio l’effetto può prolungarsi anche per due-tre ore.


Si tratta di una sostanza assolutamente inodore e insapore: è sufficiente una sola goccia diluita in una bevanda per poter causare la perdita di controllo dei freni inibitori delle vittime. Gli effetti però possono essere davvero drammatici visto che la droga dello stupro può causare aritmie cardiache, degenerazioni del cervello, danni al fegato e ai reni, sonno improvviso, perdita di memoria, in alcuni casi anche la morte.

RUSSIA SOTTO SHOCK PER LA NUOVA DROGA SCARNIFICANTE

L’unica prevenzione possibile è tutelarsi e ricordare che per fare effetto la droga dello stupro deve essere necessariamente ingerita. Pertanto è necessario ricordarsi di non accettare bevande da sconosciuti e soprattutto quando vengono offerte gratuitamente in contenitori non controllati. Solo poche settimane fa a Milano la Guardia di Finanza ha effettuato un maxi sequestro di sostanza stupefacenti in un’operazione che ha portato all’arresto di 22 persone. E non è stata che una delle ultime operazioni del genere in ordine cronologico.






Tags:

Lascia una risposta