Esame di ammissione eliminato per i docenti che insegnano da tre anni

7 maggio 2012 09:430 commenti

Novità in arrivo sul fronte abilitazione insegnamento che arrivano direttamente dal ministro dell’Istruzione Francesco Profumo. Il ministro, in una recente intervista al Corriere della Sera, ha reso noto che i docenti con almeno di tre anni di servizio sulle spalle potranno accedere direttamente al primo corso di tirocinio necessario per poter conseguire l’abilitazione.

Dunque nessun esame di ammissione per tutti coloro che, di fatto, hanno già svolto il tirocinio. Dopo aver svolto regolarmente il corso potranno partecipare alla prova finale, esattamente come tutti gli altri tirocinanti. Solo lo scorso 23 aprile è stato pubblicato il decreto che segna una svolta attesa da circa quattro anni, da quando sono state chiuse le scuole di specializzazione per l’abilitazione all’insegnamento.


La riforma prevede l’introduzione di un tirocinio formativo attivo (TFA): al via a luglio le prove preselettive nazionali e i corsi saranno invece attivati a fine anno. I tirocini si terranno presso le facoltà universitarie, ma la vera novità consiste soprattutto nel fatto che 475 ore si svolgeranno sul campo, in classe e in laboratorio, unendo non solo la teoria, ma anche la pratica.

CONCORSO INSERIMENTO GRADUATORIA INSEGNANTI

Secondo Profumo è necessario ripensare non solo al ruolo del docente, ma anche alla sua tecnica di insegnamento in grado di stimolare i ragazzi. Da risolvere anche l’annosa questione dell’immissione nel ruolo: l’ultimo concorso è stato bandito nel 1999, ma il Ministro annuncia che entro l’anno sarà bandito un primo concorso (cui potranno accedere docenti abilitati) e cui vincitori potranno entrare in servizio già a partire dal 2013-2014.

E per la prossima primavera sarà bandito un nuovo concorso che vedrà la partecipazione anche dei nuovi abilitati con TFA e che potranno entrare in servizio già dal 2015-2016. Secondo Profumo è necessario regolarizzare il sistema a cominciare dalla frequenza biennale dei concorsi.






Tags:

Lascia una risposta