Gesù era omosessuale secondo la teoria di Paul Oestreicher

21 aprile 2012 15:180 commenti

Gesù era omosessuale: è quanto emergerebbe dalla teoria sostenuta da Paul Oestreicher, prete anglicano, attualmente professore alla University of Sussex. E certamente si tratta di una teoria destinata a far discutere. Oestreicher sostiene infatti che sarebbero proprio le ultime parole pronunciate da Gesù Cristo sulla croce e riportate dal Vangelo. “Gesù allora, vedendo la madre e il discepolo che egli amava lì accanto, disse alla madre: ‘Donna ecco tuo figlio!’ Poi disse al discepolo. ‘Ecco la tua madre!’ E da quel momento il discepolo la prese nella sua casa”: ecco le parole “incriminate” secondo Oestreicher che testimonierebbero senza ombra di dubbio il legame speciale che avrebbe legato Gesù al suo apostolo Giovanni. Proprio Giovanni viene sempre raffigurato nell’iconografia cristiana accanto a Gesù anche durante l’ultima cena, in atteggiamenti quasi affettuosi.


Solo Giovanni ha seguito Gesù fino alla fine, al contrario di tutti gli altri apostoli fuggiti per paura e infine è al suo apostolo, cui sarebbe legato da affetto speciale, che Gesù chiede di occuparsi di sua madre. Tutti fatti che sosterrebbero le ragioni della teoria di Oestreicher che sottolinea anche come Gesù, a 33 anni, non fosse sposato, pur essendo un rabbino ebraico. D’altra parte la presunta relazione con Maria Maddalena non trova riscontro nella Bibbia al contrario invece da quanto proposto da Oestreicher e cioè che Gesù amasse Giovanni.

La teoria viene sostenuta anche dagli attivisti per i diritti nei gay nella Chiesa e a sostegno della sua tesi Oestreicher cita addirittura una scoperta fatta i primi giorni di aprile e diffusa dal The Guardian. Si tratta di una serie di documenti antichissimi, di epoca cristiana, rinvenuti in Giordania secondo cui la comunità di apostoli era un gruppo di omosessuali che cercava di contrastare la rigidità della religione ebraica. In questo contesto emergerebbe anche il legame fra Gesù e Giovanni e una maggiore rilevanza della figura di Maria.






Tags:

Nessun commento

Lascia una risposta