Grecia, Italia e Spagna dalla cultura alla crisi

14 novembre 2012 17:470 commentiDi:


La crisi che sta colpendo l’Europa in questi mesi tocca in particolare tre Paesi che hanno fatto la storia dell’uomo e del mondo. Un argomento di cui si è già detto molto, ma questa crisi finanziaria sembra proprio non avere rispetto della storia.
Grecia, Italia e Spagna racchiudono insieme buona parte del capitale umano e culturale di tutta l’Europa. In questi tre Stati la cultura e la civilizzazione regnano da secoli, quando da altre parti ancora vigeva la legge del barbaro. Il mondo, però, è cambiato. Oggi decide la finanza e l’economia. Non è più tempo di filosofi ed esploratori, e queste nazioni rischiano di trasformarsi in musei a cielo aperto, per turisti che vogliono vedere il mondo com’era.
In Grecia è nato il pensiero, che ha avuto in Socrate e Platone i suoi massimi esponenti. In un certo senso, nel Paese ellenico è nata anche la scienza con Aristotele e il suo modello di logica seguito per molto tempo. Ed oggi? Le parole chiavi sono crisi, corruzione, aiuti…
L’Italia è la nazione con il più grande patrimonio culturale del mondo. Nessuno ha Roma, Firenze e Venezia. Eppure, anche qui, corruzione e crisi sono le parole più importanti. Non si riesce proprio a sfruttare bene le risorse culturali del Paese.
La Spagna è stata una grande nazione. Esploratori e viaggiatori. L’America è stata scoperta per loro iniziativa. Oggi, però, la Spagna rischia, in un mondo che ha altre necessità e richiede diverse virtù.






Tags:

Lascia una risposta