Hacker attaccano siti di Berlusconi

22 giugno 2011 11:020 commentiDi:

Due siti che fanno riferimento al premier, Silvio Berlusconi: governoberlusconi.it e pdl.it, sono stati presi di mira e attaccati da pirati informatici. Gli stessi sono rimasti oscurati per tutta la giornata di ieri, martedì. 

L’atto è stato rivendicato dal gruppo “Anonymous hacktivista”. 

I siti internet, governativo e del Popolo della Libertà, sono stati oscurati e manomessi, inoltre gli anonimi hacker hanno raggiunto il server ed hanno reso pubblici i dati di accesso degli utenti iscritti. 

Gli hacker attivisti concentrano le loro azioni contro i siti istituzionali, sul modello di LulzSec che, tra l’altro, aveva recentemente boicottato i siti CIA, Sony e Fox. 


LulzSec, infatti, poco tempo fa, aveva annunciato, attraverso Twitter, di essersi alleato con Anonymous per condurre la loro cyber-guerriglia. 

Tuttavia, le autorità internazionali sembrano determinate a non lasciarsi sopraffare. Un giovane di 19 anni, sospettato di appartenere al clan LulzSec, è stato fermato nel corso di un’indagine dell’ FBI e di Scotland Yard. Il presunto hacker è stato sorpreso in un appartamento del sobborgo di Wickford, a Nord-Est di Londra. 

Sul posto la polizia giudiziara ha analizzato un’importante quantità di materiale informatico e il ragazzo, ora, è indagato a piede libero. Entro la fine di questa settimana, l’uomo verrà sottoposto ad interrogatorio. 

Ultimo aggiornamento 22 giugno 2011 ore 13,05






Tags:

Lascia una risposta