I crash test per i conducenti e i passeggeri

4 agosto 2013 10:380 commentiDi:

auto-particolare 04

La salute passa anche attraverso la sicurezza alla guida. La salute e l’incolumità degli automobilisti e quella dei loro passeggeri, ad esempio, vengono tutelate da una serie di test a cui sono sottoposte, per legge, tutte le vetture prima di essere immesse sul mercato. Si tratta dei ben noti crash test, ovvero di quella serie di rigide prove che le automobili devono necessariamente superare per poter essere vendute. Ma quali sono e in cosa consistono?

Incidente pazzesco con l’auto che vola via [VIDEO]

Le prove che le vetture devono in genere superare sono di tre tipi: l’ impatto laterale, il pole test e l’ impatto frontale.

Nel cosiddetto impatto laterale viene lanciata contro la portiera del conducente della vettura da testare una barriera mobile deformabile ad una velocità di 50 km orari. Il test viene eseguito sulle vetture provviste di airbag laterale e i parametri di sicurezza vengono desunti dal modo in cui la portiera colpita penetra all’ interno dell’ abitacolo.

> Incidenza e cause del trauma cranico

Nel cosiddetto pole test, invece, viene sempre valutata la capacità della vettura di resistere ad un urto laterale. Questa volta, però, ad essere lanciato contro la vettura è un palo rigido e indeformabile, che viaggia su una barriera a 29 km orari. Nell’ impatto il compito degli airbag laterali è quello di impedire che la testa del conducente colpisca e rompa finestrino.

Tags:

Lascia una risposta