Il menu dello sciatore

5 dicembre 2012 18:530 commentiDi:

Cosa non mangiare e bere sulla neve? Su quali principi nutrizionali dovrebbe essere basata la dieta dello sciatoreAndrea Ghiselli, nutrizionista e ricercatore dell’INRAN (Istituto nazionale Ricerca Alimenti e Nutrizione) ha proposto un menu ideale che tutti gli amanti dello sci possono seguire per assicurarsi un’alimentazione sana ed equilibrata anche ad alta quota.

Il menu ideale per lo sciatore prevede 5 pasti: la colazione, lo spuntino di metà mattina, un pranzo leggero, la merenda e la cena.


La colazione, anche per gli sciatori, è un pasto di fondamentale importanza. Deve essere abbondante, apportare il 20% delle calorie giornaliere, ma non essere pesante e poco digeribile. La migliore combinazione è costituita da caffè, tazza di latte (o yogurt), fette biscottate o cereali o pane con poco burro e marmellata. Ok succo di frutta o un paio di frutti.

Per lo spuntino cioccolato, biscotti o una merendina.

Il pranzo leggero per chi vuole continuare a sciare anche nel pomeriggio prevede un panino con affettato, o un primo leggero con un frutto, un dolce e un caffè.

Per la merenda è sufficiente cappuccino o cioccolata calda, o tè con biscotti o frutta.

La cena infine è il pasto più abbondante della giornata e dovrà contenere un primo piatto caldo (riso, pasta, polenta, minestrone), un secondo a scelta tra carne, uova o anche pesce, un’insalata o un piatto caldo di verdure, frutta fresca e magari un dolce.






Tags:

Lascia una risposta