Il test per i donatori anziani di cuore

23 giugno 2013 11:400 commentiDi:

cura-del-cuoreIl suo nome è Adonhers e si tratta di una eccellenza tutta italiana: è stato messo a punto, infatti, dai ricercatori del CNR di Pisa e quelli del Sant’ Orsola Malpighi di Bologna.

E’ il primo test al mondo per valutare l’ efficienza dei cuori donati da persone con una età già avanzata: l’ acronimo Adonhers sta infatti per Aged donor heart rescue  by stress echo.

Troppa carne rossa fa male al cuore


Fino a qualche tempo fa, infatti, si riteneva che le persone anziane non potessero donare un cuore in piena efficienza. Oggi invece si chiamano “donatori marginali” e non vengono più scartati come possibili donatori in caso di espianto perché, dopo i dovuti controlli, è risultato possibile ricavare comunque da questi un 10% di potenziali donatori.

> Fattori di rischio per il cuore

Il test Adonhers messo a punto dagli italiani è dunque un attento protocollo di valutazione dei cuori cosiddetti marginali e comprende una serie di esami, tra cui un test ecocardiografico di facile esecuzione, e un ecostress che si esegue in caso di morte cerebrale.

Al momento questo test è utilizzato solo in Toscana e in Emilia Romagna, ma i trapiantologi italiani si augurano che possa essere esteso anche ad alte regioni, in modo da accrescere il numero dei possibili donatori.






Tags:

Lascia una risposta