Killer della strage di Tolosa braccato dalla polizia

21 marzo 2012 10:290 commenti

È scattato alla mezzanotte di ieri il blitz del reparto speciale della polizia francese intorno all’abitazione del presunto killer della strage di Tolosa: l’uomo, 24 anni, franco-algerino, si proclama un affiliato di Al Qaeda. Al momento si trova all’interno del piano terra dell’edificio in cui abita e non appena è scattato il blitz ha ferito due agenti di polizia: è stato lo stesso presidente Nicolas Sarkozy a bloccare l’assalto finale delle teste di cuoio francesi chiedendo espressamente che il killer fosse catturato vivo e al momento le forze dell’ordine stanno trattando con lui. Il franco-algerino asserragliato in casa è infatti con probabilità il responsabile degli omicidi di Montauban e di Tolosa. L’uomo, che in queste ore ha dichiarato di voler “vendicare i bambini palestinesi”, era in realtà noto ai servizi d’informazione francesi per la sua vicinanza ai gruppi fondamentalisti islamici.


Gli inquirenti sono riusciti a rintracciarlo attraverso alcune telefonate con altre persone e tramite alcuni annunci pubblicati in rete. L’uomo, di cui non è stato divulgato il nome, abita a meno di tre chilometri dalla scuola ebraica della strage: è stato anche arrestato il fratello, a sua volta considerato un affiliato di Al Qaeda.

Nella sua abitazione è stata rinvenuta della polvere esplosiva. Il killer è responsabile dell’omicidio di sette persone, tre militari, i bambini (di 4, 5 e 7 anni) e l’insegnante della scuola ebraica: un testimone della strage di Tolosa ha dichiarato che l’uomo, mentre sparava, aveva al collo anche una piccola telecamera.

Anche le scuole italiane renderanno omaggio alle vittime della strage: oggi, alle ore 11,00 sarà osservato un minuto di silenzio per commemorare le vittime della strage alla scuola ebraica di Tolosa compiuta lo scorso 19 marzo.

La polizia circonda ancora l’abitazione del killer di Tolosa, Mohamed Merah: l’uomo, dopo aver promesso di consegnarsi alle forze dell’ordine, non si è ancora arreso. La polizia ha deciso di intervenire con quattro detonazioni esplose intorno alla casa del killer per aumentare la pressione dell’uomo e indurlo a consegnarsi.

ultimo aggiornamento 22 marzo ore 00.40






Tags:

Lascia una risposta