La diagnosi del disturbo bipolare

8 settembre 2013 12:090 commentiDi:

psicologo

Il disturbo bipolare

Il disturbo bipolare è una patologia in cui i pazienti che ne sono affetti alternano fasi di profonda depressione a fasi di estremo entusiasmo ed euforia. Si tratta inoltre di un disturbo cronico e recidivante. Ma come viene in genere diagnosticato?

La diagnosi del disturbo bipolare

Trattandosi di una patologia psichiatrica, la diagnosi del disturbo bipolare si basa su una diagnosi clinica, che a sua volta fa leva su sintomi di tipo psicopatologico, sul decorso della malattia e sulla storia clinica del paziente in esame e di quella dei membri della sua famiglia.

Le ricerche psichiatriche più avanzate, tuttavia, sono oggi al lavoro sulla possibile individuazione di marker biologici che possano rivelare con sicurezza la presenza della malattia

Curare la depressione con l’aspirina

La cura del disturbo bipolare

La prima cura contro il disturbo bipolare è la tempestività della terapia e lo stretto controllo medico. Anche i soggetti che soffrono delle forme più gravi di questa malattia possono infatti ottenere attraverso i farmaci una stabilizzazione dell’ umore.

Vincere la depressione con un pacemaker

E’ importante inoltre attuare un trattamento preventivo a lungo termine, perché si tratta di una patologia cronica in cui sono possibili frequenti ricadute. Le cure dello psichiatra in genere sono affiancate da quelle di psicologi e assistenti sociali.

Tags:

Lascia una risposta