Le cure termali sono detraibili come le spese mediche

1 settembre 2014 21:050 commenti

Le cure termali sono numerose e di diverso tipo e qualora siano prescritte dai medici, le spese sostenute per avere dei benefici nella salute, sono detraibili dalla tasse. Non vale la detrazione se si approfitta delle cosiddette terme libere.

Terme_fordongianus

In diverse parti d’Italia esistono delle terme naturali di acqua calda e sulfurea, dove ci si può bagnare in contesti naturali molto suggestivi. Si tratta di terme che, a saperle raggiungere, ripagano la fatica della ricerca. Ne abbiamo selezionate qualcuna insieme, da nord a sud. Approfittando di questi bagni gratuiti, però, non si ha una la possibilità di detrarre le spese dalla dichiarazione dei redditi.

> Le migliori terme libere d’Italia


In effetti, le cure termali sono equiparate ad alcune terapie farmacologiche e questo fa sì che le spese sostenute anche per i fanghi, possono essere detratte dalle tasse. Ne parla l’Erario.

Anche se a prima vista l’uso delle terme sembra un trattamento estetico, le cure termali sono equiparate a trattamenti medici e quindi, come le spese mediche, sono detraibili al 19%. Le spese per le cure termali sono da aggiungere alle spese mediche. Non sono invece detraibili i soldi spesi per i prodotti e le sostanze naturali che in fondo non hanno nulla a che vedere con la medicina.

Se si possiede un’assicurazione che paga una parte delle spese per le cure termali, sono detraibili solo quelle che eccedono i costi rimborsati dalla polizza. In più, qualora si sostenesse un viaggio per recarsi nei bagni delle terme, tutto ciò che va oltre le cure termali, per esempio il vitto e l’alloggio, non sono detraibili.






Tags:

Lascia una risposta