Le teorie complottistiche più diffuse negli Usa

4 aprile 2013 12:540 commenti

Una nutrita schiera di americani ritiene che vi sia un’organizzazione elitaria segreta, denominata a volte con il nome di “Nuovo Ordine Mondiale” (New World Order). Un terzo dei cittadini d’America crede che il Nuovo Ordine Mondiale abbia il pieno controllo del mondo e dei suoi vertici di potere. E non solo. Sono molte le teorie complottistiche divulgate negli Usa.

Un quinto dei repubblicani, negli Stati Uniti, ritiene che Obama sia l’Anticristo e il 37% ritiene che il riscaldamento globale sia una leggenda.

Nel contempo il 29% degli americani pensa che gli alieni non siano solo una diceria, bensì una realtà tenuta nascosta dai governi mondiali.


Non stiamo dando numeri frutto della nostra immaginazione. Stiamo solo elencando i risultati dell’ultimo sondaggio condotto da Public Policy Polling. Risultati resi noti sul sito di The Independent, circa i miti più seguiti negli Stati Uniti. Il sondaggio ha messo in evidenza anche differenze di opinione tra democratici e repubblicani, con questi ultimi generalmente più inclini a ‘credere’ nelle diverse teorie complottistiche.

Il sito parla della partecipazione del governo Usa agli attacchi del 9/11 contro le torri gemelle, nonché della mistificazione della questione delle armi di massa da parte dell’amministrazione Bush. Secondo il sito sarebbe una scusa al fine di intraprendere l’invasione dell’Iraq al fango gettato dalle alte sfere di Washington sull’UFO schiantatosi, per davvero, a Roswell, in Nuovo Messico, nel ’47.

Su alcuni temi però repubblicani e democratici sono d’accordo. Più della metà degli americani, volendo fare un esempio, è convinta che l’assassinio del Presidente J. F. Kennedy sia frutto di un complotto ben più grande dell’azione di un singolo uomo in preda a un raptus di follia.

 






Tags:

Lascia una risposta